FANDOM


Giorgia Meloni
GiorgiaMeloni


Ministro della Gioventù
Durata mandato 8 maggio 2008 –
16 novembre 2011
Presidente Silvio Berlusconi
Predecessore Giovanna Melandri
Successore Andrea Riccardi (delega alle politiche giovanili)

Vicepresidente della
Camera dei deputati
Durata mandato 4 maggio 2006 –
28 aprile 2008
Presidente Fausto Bertinotti

Dati generali
Partito politico AN (fino al 2009)
PDL (dal 2009 al 2012)
FI - CDN (dal 2012)
on. Giorgia Meloni
Parlamento italiano
Camera dei deputati
Luogo nascita Roma
Data nascita 15 gennaio 1977
Titolo di studio Diploma di istituto professionale per il turismo
Professione Giornalista, Politico
Partito AN (fino al 2009)
PDL (dal 2009 al 2012)
FDI - CDN (dal 2012)
Legislatura XV, XVI, XVII
Gruppo Popolo della Libertà
Circoscrizione Lazio 1 (XV)
Incarichi parlamentari

XV Legislatura

  • Vicepresidente della Camera dei deputati
  • Presidente della Commissione per il conferimento delle Borse di Studio della Fondazione "Carlo Finzi"
  • Presidente del Comitato per la Comunicazione e l'Informazione Esterna
  • Membro della VI Commissione (Finanze) (dal 2 agosto 2007)
  • Membro della VII Commissione (Cultura, Scienza e Istruzione) (fino al 2 agosto 2007)

XVI Legislatura

  • Ministro senza portafoglio della gioventù (Governo Berlusconi IV)
  • Membro della VI Commissione (Finanze) (sostituita da Antonio Angelucci)
Pagina istituzionale

[[Categoria:Template:Bio/plurale attività Template:Bio/plurale nazionalità]][[Categoria:Template:Bio/plurale attività Template:Bio/plurale nazionalità]]Template:Bio/catnatimortiCategoria:BioBot Giorgia Meloni (Roma, 15 gennaio 1977) è Template:Bio/articolo F[[Template:Bio/link attività|politica]]Template:Bio/eufonica [[Template:Bio/link attività|giornalista]] [[Template:Bio/link nazionalità|italiana]].

Giorgia Meloni è stata ministro della Gioventù nel quarto governo Berlusconi e presidente della Giovane Italia. È leader e cofondatrice del movimento Fratelli d'Italia - Centrodestra Nazionale.

BiografiaEdit

Studi e militanza studentescaEdit

Di origini sarde da parte di padre e siciliane da parte di madre, è nata e cresciuta nel popolare quartiere della Garbatella a Roma. È diplomata presso l'istituto professionale alberghiero Amerigo Vespucci[1][2]. Dal 2006 è giornalista professionista[3].

Inizia il suo impegno politico nel 1992 a 15 anni aderendo al Fronte della Gioventù. Fonda il coordinamento studentesco Gli Antenati, che partecipava alla contestazione contro il progetto di riforma della pubblica istruzione del ministro Rosa Russo IervolinoTemplate:Citazione necessaria.

Nel 1996 diviene responsabile nazionale di Azione Studentesca, il movimento studentesco di Alleanza Nazionale, rappresentando tale movimento in seno al Forum delle associazioni studentesche istituito dal ministero della Pubblica Istruzione. In tale veste è autrice della proposta per l'apertura pomeridiana delle scuole finalizzata allo svolgimento di attività extra-curricolari, poi accolta dal ministro Berlinguer (DPR 567), della proposta di legge per il comodato gratuito dei libri di testo, nonché artefice della campagna nazionale contro la faziosità dei libri di testo scolasticiTemplate:Citazione necessaria.

Nelle istituzioniEdit

Nel 1998 viene eletta consigliere della Provincia di Roma per Alleanza Nazionale, rimanendo in carica fino al 2002.

Nel 2000 diviene dirigente nazionale di Azione Giovani. Nel febbraio 2001 Gianfranco Fini, presidente di Alleanza Nazionale, la nomina coordinatrice del comitato nazionale di reggenza di Azione Giovani. Nel 2004 viene eletta presidente di Azione Giovani durante il congresso nazionale di Viterbo, a capo della lista “Figli d'Italia”, diventando la prima presidente donna di un'organizzazione giovanile di destra.

Nel 2006 a 29 anni, viene eletta alla Camera dei deputati nella lista di Alleanza Nazionale nel collegio Lazio 1, divenendo la più giovane donna parlamentare della XV Legislatura. Dal 2006 al 2008 è uno dei vicepresidenti della Camera dei deputati: la più giovane di tutta la storia della Repubblica Italiana.

Ministro della Gioventù (2008-2011)Edit

Nel 2008, poco dopo l'insediamento della XVI Legislatura diventa, a soli 31 anni, ministro della Gioventù del Governo Berlusconi IV, mantenendo la presidenza di Azione Giovani. Nel settembre dello stesso anno, circa una polemica sull'antifascismo sorta all'interno di Alleanza Nazionale, dichiara: «Basta con questa storia del fascismo e dell'antifascismo. Siamo nati a ridosso degli anni ottanta e novanta, siamo tutti protesi nel nuovo millennio»; «difenderemo i valori sui quali si fonda la Costituzione e che sono propri anche di chi ha combattuto il fascismo».[4] Nell'occasione, l'Unione dei Giovani Ebrei espresse soddisfazione per le sue parole.[4]

Il 1º agosto 2008 Meloni propone la nomina del suo vicepresidente in Azione Giovani, Paolo Di Caro, a direttore generale dell'Agenzia nazionale per i giovani. La nomina viene criticata da parte di esponenti del PD.[5]

Nel 2009 Meloni diviene presidente del movimento politico giovanile del Popolo della Libertà, denominato Giovane Italia.[6]

In occasione della sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo nel caso Lautsi v. Italia sull'esposizione del Crocifisso nelle aule scolastiche italiane, nel novembre 2009, ha dichiarato: "La decisione della Corte Europea è il prodotto di una furia distruttrice verso ogni simbolo della nostra comune identità"[7].

Nel novembre 2010 presenta, per conto del ministero, un pacchetto da 300 milioni di euro chiamato Diritto al Futuro, mirante a investire sui giovani e contenente nel complesso cinque iniziative, tra cui agevolazioni per i neo-imprenditori, bonus a favore dei precari, prestiti per gli studenti meritevoli.[8]

Nel 2010, Giorgia Meloni si è schierata contro l'aborto, affermando che «purtroppo il diritto di abortire è garantito di più rispetto a quello di mettere al mondo un bambino. Siamo purtroppo figli di una cultura che, per difendere l’aborto, non ha parlato di prevenzione e non ha considerato l’interruzione come extrema-ratio».[9]

Dopo il governo BerlusconiEdit

Nel novembre 2011, edito da Sperling & Kupfer, esce il suo libro Noi crediamo[10] incentrato sulla condizione dei giovani italiani durante l'attuale crisi.

Il 15 giugno 2012 rassegna le dimissioni dalla presidenza del movimento politico giovanile del Popolo della Libertà, Giovane Italia nominando al suo posto, in concertazione con Silvio Berlusconi ed Angelino Alfano, Marco Perissa, giovane consigliere del PdL nel municipio romano che comprende nel suo territorio il quartiere Garbatella.

Nel novembre 2012 annuncia la propria candidatura alle primarie del PdL

Il 20 dicembre 2012 lascia il PdL e crea assieme a Guido Crosetto e Ignazio La Russa il movimento politico Fratelli d'Italia - Centrodestra Nazionale.E' eletta alla camera dei deputati nel 2013 e il 3 aprile 2013 diventa capogruppo alla camera.

Prese di posizione Edit

Template:E

  • Nel 2006 ha dichiarato di avere un «rapporto sereno con il fascismo»; ha in seguito sostenuto che Mussolini «è un personaggio complesso, va storicizzato»[11]; sulle leggi ad personam ha sostenuto che «bisogna contestualizzarle. Sono delle leggi che Berlusconi ha fatto per sé stesso. Ma sono leggi perfettamente giuste»[12]
  • Nell'agosto 2008, in occasione della cerimonia d'apertura dei Giochi olimpici di Pechino, in posizione ministeriale, la Meloni ha invitato gli atleti azzurri a boicottare la cerimonia o quantomeno a manifestare in qualche maniera il proprio dissenso verso la politica del governo cinese attuata nei confronti del Tibet. L'invito non è stato condiviso dal premier Silvio Berlusconi né dal ministro degli esteri Franco Frattini, designato a rappresentare l'Italia a Pechino. Anche la delegazione degli atleti azzurri a Pechino si è dissociata.[13]. La ministra ha risposto in una lettera nella quale sostiene di non aver mai chiesto di non gareggiare, ma solo un gesto di solidarietà.[14]
  • Il 31 agosto 2008, intervistata sul problema del consumo di droga tra i giovani, Meloni ha affermato che esiste in proposito una vera e propria emergenza. E ha dichiarato che «è vitale far capire ai ragazzi che chi si impasticca dalla mattina alla sera non è un vincente, ma un mezzo fallito. Il vero ribelle è chi non si droga».[15]
  • Nel gennaio 2009, in visita nella Repubblica Ceca per commemorare la morte del giovane studente di Praga Jan Palach che nel 1969 si diede fuoco per protestare contro l'invasione della Cecoslovacchia da parte dell'Unione Sovietica, Giorgia Meloni ha presentato un progetto bilaterale italo-ceco rivolto a giovani artisti europei dedicato alla sua figura. Ha quindi dichiarato in proposito: «Il messaggio che Jan Palach lascia ai giovani d'Europa è un esempio di grande amore verso la propria terra e contemporaneamente di ricerca disperata di libertà, perché senza libertà non vale la pena per una vita di essere vissuta»; e definì lo studente di Praga «forse il più giovane tra i padri dell'Europa, per questo è importante che i giovani italiani e d'Europa lo conoscano» per rafforzare il loro senso di identità e appartenenza alla comunità europea.[16]
  • Nel febbraio 2009 Giorgia Meloni ha sostenuto il decreto legge e il disegno di legge votato in Consiglio dei ministri per fermare all'ultimo momento l'attuazione del protocollo terapeutico concordato con la famiglia Englaro, e che ha innescato un conflitto tra Governo e Presidente della Repubblica, dichiarando «Siamo in condizioni eccezionali»[17].

Curiosità Edit

Note Edit

Template:References

Voci correlateEdit

Altri progettiEdit

Collegamenti esterni Edit

Predecessore Ministro della Gioventù Successore 30x30px
Giovanna Melandri 2008 - 2011
(Governo Berlusconi IV)
Andrea Riccardi

Template:Controllo di autorità Template:Portale

Categoria:Politici di Alleanza Nazionale Categoria:Politici del Popolo della Libertà Categoria:Ministri per la Gioventù della Repubblica Italiana Categoria:Deputati della XV Legislatura della Repubblica Italiana Categoria:Deputati della XVI Legislatura della Repubblica Italiana Categoria:Politici di Fratelli d'Italia - Centrodestra Nazionale Categoria:Politici legati a Roma Categoria:Deputati della XVII Legislatura della Repubblica Italiana


Cite error: <ref> tags exist, but no <references/> tag was found

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.